Raygo è un sistema innovativo appartenente alla famiglia di prodotti tecnologici che non richiedono la concentrazione visiva (eyes free device, EFD) quando sono utilizzati. Così un guidatore può interagire con il proprio smartphone senza distrarsi durante guida; anzi può esserne facilitato grazie ad alcune funzioni chiave. Sviluppato in Israele, si basa sull’evoluzione di un sistema che aiuta i non vedenti e la cui tecnologia è stata adattata alle esigenze del conducente d’auto.

1. Cos’è stato innovato grazie a “Raygo”?
Raygo è costituito da un controllore Bluetooth a 5 tasti montato sul volante. È stato concepito per operare in un contesto ambientale che richiede sia velocità di reazione, sia rapidità di fruizione (caratteristiche non necessarie in altre applicazioni EFD).
Ad esempio, quando arriva un messaggio WhatsApp l’applicazione legge il contenuto al conducente il quale può scegliere tra numerose risposte preimpostate (“ok, va bene“, “ci sentiamo dopo“, ecc…), semplicemente premendo uno dei tasti presenti sul volante.
Il fatto poi che il dispositivo sia montato sul volante ha una duplice utilità:
– è localizzato esattamente dove devono abitualmente essere le mani, ovvero sul volante;
– il display rivolto al guidatore è in linea con la visuale sulla strada. Il fatto di operare con Raygo non distrae dal vedere cosa si ha davanti/intorno.

Raygo non si occupa solo di lettura di messaggi ma offre alcuni supporti al giudatore durante la guida:
– controlla i movimenti del volante, la velocità e l’adattamento in tempo reale alle condizioni di guida;
– se necessario, si adegua automaticamente leggendo più lentamente per non distrarre il conducente dalla guida.

2. Perché è promettente e perché sta avendo successo?

Viviamo sempre più nella duplice dimensione digitale e fisica. In questo contesto l’internet delle cose interagisce frequentemente con noi, anche quando guidiamo un’automobile.

Pertanto sono sempre più frequenti le “frazioni di secondo” in cui siamo distratti. Vuoi per rispondere ad una chiamata piuttosto che per l’arrivo di un messaggio come pure per il suonare di allarmi vari. Non dobbiamo quindi sorprenderci se gli incidenti d’auto causati dalle distrazione del conducente sono in costante aumento. Una “frazione di secondo” può essere di troppo e mettere in serio pericolo l’incolumità del guidatore, dei pedoni o di altri automobilisti.

  1. L’evoluzione:

Raygo è l’evoluzione di ciò che prima era pensato per i non vedenti. Uno strumento a supporto della guida per eliminare le distrazioni delle connessioni.

In un mondo dove l’interazione tra la realtà fisica e quella digitale è destinata a crescere a ritmi elevati, Raygo consente di gestire la nostra guida senza incorrere nel rischio di distrarci per quella “frazione di secondo” che può generare danni irreparabili.

Parola Chiave: innovazione tecnologica