Exitround ha lanciato un’innovazione nel settore dell’intermediazione societaria e nel reperimento di venture capital per le società operanti nell’high tech (hardware, software) e nel multimedia. In un apposito data base i protagonisti del mercato presentano in modo anonimo le proprie richieste od offerte e un algoritmo individua le combinazioni che soddisfano meglio entrambi i contraenti. In questo modo si generano le combinazioni ideali tra i soggetti interessati a vendere/comprare (software empowered merger-&-acquisition marketplace, SEMAM), come pure a cercare/offrire venture capital (VC).

  1. Cos’è stato innovato grazie ad Exitround?

La concezione del mercato: le domande relative alle operazioni di M&A, come pure di VC, nel settore high-tech si incontrano in una piattaforma anonima. Grazie ad un nuovo algoritmo gli utilizzatori possono conoscere le combinazioni ideali domanda/offerta. Si tratta di un miglioramento in un ambito nel quale non mancano punti di incontro online anonimi per domanda/offerta di M&A e VC che però non dispongono di un supporto che ricerchi le combinazioni in grado di soddisfare meglio i contraenti potenziali.

Nel concreto è possibile utilizzare questo sistema per conseguire questi tre obiettivi chiave:
– identificare in modo efficiente chi possa essere l’azienda ideale da contattare;
– essere sempre in contatto – nel senso di averle nel database – con le realtà più aperte al rischio e all’innovazione;
– essere guidato dal software nel modo di presentarsi. Così si è sempre in sintonia con i codici comunicativi che devono permettere la comprensione tra esperienze e culture diverse. Ovvero non si ha mai una seconda occasione per dare la giusta “prima impressione” di sè.

  1. Perché è promettente e perché sta avendo successo?

Il mondo del merger-&-acquisition (M&A) è complesso e di non facile accesso se non si èlocalizzati in alcune aree del mondo o se non si ha una dimensione visibile. A questo si aggiunge anche la difficoltà di comunicare e far percepire il proprio valore. Lo stesso dicasi per il VC. Inoltre ci sono pregiudizi e fattori esogeni, come le crisi generali o la percezione negativa nei confronti di una regione, che fanno scartare opportunità. Pensiamo, ad esempio, ai pregiudizi sull’Italia di pochi anni fa oppure oggi ad un paese poco noto ma ad altissimo potenziale come la Malaysia.
In questo contesto, l’intuizione che ha avuto Extiround: superare tutte queste barriere creando un mercato anonimo dove un algoritmo sia in grado di generare un incontro tra venditore e compratore – per M&A e per chi cerca e chi offre VC – in modo tale che le richieste di entrambe le parti vengano soddisfatte al 100%.

  1. L’evoluzione:

    Le linee guida di sviluppo del prodotto di Exitround sono intuibili rispetto a due dimensioni :

– attivare una innovazione organizzativa che consenta una gestione multilingue della clientela.
– allargare l’offerta di M&A e VC sia in maniera orizzontale (più settori oltre all’hi-tech), sia verticale (più offerte specialistiche).

 

Parola Chiave: innovazione organizzativa