Onestamente Compagno Cossutta non troviamo nulla da vantare nel Suo essere stato coerentemente filo-sovietico.

Un regime che si è alleato con Hitler, ha sostenuto Polpot,ha finanziato le BR ed ha rovinato generazioni di un popolo.

Le riconosciamo che indubbiamente Le sia costato qualcosa fino al 1945 sotto il fascismo. Ma questo in quanto anti-fascista come è costato l’ esserlo a tanti altri Italiani della Resistenza che in gran parte non erano filo-sovietici.

Onestamente facciamo molta fatica a capire cosa Le sia costato esserlo dopo il 1945 in una Democrazia coerentemente anti-sovietica e nella NATO che prima Le ha pagato uno stipendio e poi un vitalizio da Parlamentare.

Certamente Lei riconoscerà che in quegli stessi anni e fino al 1989 chi in URSS fosse stato coerentemente anti-sovietico non avrebbe avuto nè stipendio e nè vitalizio ma un soggiorno in un gulag,(lagher di stato sovietico).

Un bella differenza in termini di coerenza pagata con un prezzo personale,no? Eh,si.

Porgiamo le più sentite condoglianze alla Sua Famiglia ed a tutti i Suoi Cari.

The Rompiballe