Una cosa sfugge nel marasma delle celebrazioni giuste e legittime dedicate ad Umberto Eco.

Ed altro non potrebbe essere dato che altrimenti verrebbe meno un pesantissimo velo di ipocrisia AUTO-ASSOLVENTE ED AUTO-LEGITTIMANTE il mestiere dell’ intellettuale e del filosofo in Italia, ovvero del Kolto di professione.

Cosa?

Umberto Eco è l’ ultimo intellettuale Italiano noto nel mondo.

E lo è grazie ad un romanzo.

Un romanzo eccezionale dato che è prima di tutto un’ opera di semiotica e storia medievale resa divulgativa mediante l’ articifio del romanzo.

Questo è innanzitutto Il Nome della Rosa ed è per questo che  è il best seller che conosciamo.

Ed è giusto che lo sia.

Eco ha avuto la maEstria di trasformare un qualcosa rivolto ad un gruppo limitato di esperti di settore,(semiotica e storia medievale),in un che di magicamente divulgativo che soddisfacesse la domanda di conoscenza di un pubblico più vasto.

E da quel momento il suo nome è divenuto UNIVERSALE E GLOBALE altrimenti sarebbe rimasto confinato nel mondo professionale in cui operava e sarebbe stato un peccato per tutti noi per quello che si sarebbe perso.

Eco è divenuto un maestro di CULTURA sapendo divulgarla mentre in troppi lo sono di kultura ad uso del proprio ombellico sovvenzionato.

Eco ha DIMOSTRATO che la Cultura può generare profitto e che se la Cultura genera profitto non diviene  mercimonio.

Come  dimostra,ad esempio, Peastum che funziona molto meglio di Pompei.

E se le idee e la cultura non si diffondono non servono a niente.

Tranne che  ad accarezzare l’ EGO OMBELLICALE della aKademia Kolta dei Konservatori tutti-partisan Italici.

Loro che sono i soli al mondo a bearsi di distinzioni su cultura alta e bassa… sul come  mettere il puntino o la virgola … col masturbarsi il cervello cercando la parolina magica che conoscono in 4 per poi avere un orgasmo da ego ombellicale sia per il fatto che non li capisca nessuno che per essere riusciti a NASCONDERE il vuoto pneumatico delle loro argomentazioni dietro la “parola fika & Kolta” .

Tutte BELLE BALLE per nascondere il vuoto. Il nulla ammantato di aKademia formale.

Umberto Eco ha DIMOSTRATO che la lingua ,(l’ italiano), non è un limite.

Non solo perchè le opere si traducono ma anche perchè 200 milioni di persone  nel mondo conoscono  l’ Italiano.

Ma i Kolti fanno finta di non saperlo.

Allora è meglio dare la colpa al Complotto Permanente che boicotta le menti Italiane per dominare il mondo.

Od al fatto che sono tutti dei “pirla” che non li capirebbero.

“Eh si, oibò !  Noi Kolti Tutti-partisan Italiani siamo cosi’ FIKI che il KOMPLOTTO PERMANENTE  ci teme al punto tale da impedirci di  diffonderci nel mondo ma…(sigh!!)… in ogni caso se anche il nostro pensiero si diffondesse.. (sigh & aihme’ ed anche  percimbacco!), siamo  troppo FIKI perchè le menti dei comuni pirla,(ops..pardon …mortali), ci possano capire…. ahimè… destino infame essere cosi’ FIKI e Kolti, n’ est pas? …”

Peccato che Eco li SPUTTANI alla grande!!!

Se hai qualcosa da dire e se sai dirlo divulgando  … vedere Eco

Questo è il suo più potente lascito.

Grazie Professor Eco ed è un PECCATO CHE LA INTERESSATA IPOCRISIA DEI KOLTI DA PREBENDA NON RIFLETTA su questo …

Ma ai Kolti NON interessa…tanto sono ben pagati a ben pasciuti nella loro torre di avorio di cattedre, talkshow ,pubblicazioni ed editoriali pagati sempre e comunque.

Ed il resto sono … pippe mentali da Kolti da aKademia con il Konto Korrente ricco e la pensione assicurata. E perchè dovrebbero sforzarsi e mettersi in gioco in giro per il mondo?

Un tributo a Lei,uomo Colto, che sapeva spiegare la Cultura a noi ignoranti,(ovvero a noi che siamo ignoranti  su qualcosa in quanto non conosciamo quelle cose),e che andandosene ci ha lasciato in un mondo di kolti ombellico-centrici che parlano di kultura.

The Rompiballe  & Kolto Ignorance

(è consentita la riproduzione integrale non a fini commerciali a patto di menzionalre l’ autore e la fonte con un hyperlink attivo)