Le Monete di Credito Commerciale , (MCC), „semplicemente“  moltiplicano la liquidita´ disponibile basandosi  sul credito all´ottimismo in un network fatto di persone prima che di aziende.

Come? Immaginiamo un network cha utilizzi una MCC che per semplicita´chiamiamo „Ottimismo“. Le prestazione di servizi come pure il valore degli oggetti  sono convertiti  in „Ottimismo“,la moneta del network.

 Sfortunatamente tendiamo troppo spesso a confondere  la complicatezza con la complessita´e questa e´una delle tante conseguenze negative di una mentalita´che non vuole cogliere le potenzialita´del presente,ovvero che  rifiuta la cultura dell´ottimismo della ragione.

La potenzialita´maggiore e´quella che  deriva da noi stessi e dal ritornare ad aver fiducia , ovvero al (ri-)dare credito a noi stessi.

Viviamo in un  mondo che e´sempre piu´PROSUMERZEN.

Ovvero un mondo dove  la sostenibilita´deriva dalla concretezza etica del fatto che siamo , (sempre e comunque), coscienti di essere  allo stesso tempo: PROducer+conSUMERR+citiZEN.

Come Producer,(Produttori),dobbiamo avere verso i nostri Clienti la stessa serieta´che chiediamo ai nostri fornitori ed al contempo lo stesso approccio sostenibile verso l´ecosistema sociale,(i nostri dipendenti),e verso quello ambientale che esigiamo dagli altri come Cittadini responsabili.

Come Consumer,(Consumatori), chiediamo da chi compriamo la stessa serieta´che pretendiamo da chi ci formisce quando siamo produttori ed al contempo  dobbiamo vivere un life style sostenibile  nel senso che sia rispettoso sia dell´ecosistema sociale,(diritti dei lavoratori),che di quello ambientale.

Come Citizen,(Citttadini),il nostro comportamento e´quello che fa la differenza. Infatti noi „votiamo“ sia nella sfera politica,(decidendo di votare o non votare,ed il non voto e´a sua volta un voto),come pure in quella economica, (premiando con i nostri acquisti chi ha un atteggiamento etico e punendo che  non lo ha).

Il mondo Prosumerzen e´quello della struttura economica che si sta sviluppando parallelamente e sinergicamente a quella tradizionale creando una dimensione Peers-to-Peers,(P2P), dove il network basato sul rapporto umano genera scambi commerciali che creano benessere. Scambi che sono prima ed innanzitutto relazioni umane che si basano sulla condivisione dell´ottimismo. Un ottimismo che non puo´non essere razionale dato che ha il suo perno sulle persone.

Una dimensione sostrenibile che e´cosi´in crescita che anche la farraginosa burocrazia della EU ha deciso che non poteva restare a guardare ed ha creato una Direzione Generale che  ne segue la dinamica e questo la dice lunga sull´impatto che il P2P sta´avendo sull´economia mondiale.

E lo sta´ avendo ora con un volume pari a circa il 25% del PIL mondiale.

Una delle dimensioni piu´interessanti e´il trasformare questo ottimismo in un tool operativo pratico per il business, per le Imprese di ogni dimensione, elevando alla massima potenza la disponibilita´del credito alle persone per quello che fanno e per come lo fanno.

Prima di parlare del meccanismo di questo network  che usa le Monete di Credito Commerciale,(MCC), e che e´ basato sulle persone, ovvero il vero cuore delle Aziende, e´bene introdurre di cosa si tratti per evitare alcuni fraintendimenti in merito.

Pertano e´fondamentale iniziare con la domanda chiave: cos´e´ una moneta?

Se andiamo a Disneyland possiamo comprare usando i Paperino-euro od i Paperino-dollari. Questo perche´hanno valore all´interno del parco tematico. Ovvero sono moneta dato che ne hanno le tre caratteristiche chiave:

-rarita´

-trasferibilita´

-riconosciuto valore intrinseco

E´pero´ovvio che se usciamo da Disneyland il Pepero-€ od il Papero-$ ha solo valore numismatico per chi colleziona e come souvenir per noi.

Perche´? Solo e sempilicemente perche´fuori dai cancelli di Disnyeland viene meno chi garantisca la piena convertibilità della moneta in dollari od in euro.

Capiremo meglio il senso di questo esempio alla fine della nostra parentesi esplicativa su cosa sia una moneta.

Dalle conchiglie alle foglie di tabacco pressate negli USA del XVIII fino ai Sovereign Drawing Rights del Fondo Monetario Internazionale ci troviamo di fronte a „cose“ che hanno in comune il fatto di essere state usate,(in un dato momento e luogo),come monete.

Perche´?

Perche´incarnano le tre caratteristiche chiave che abbiamo elencato per i Paperino-euro, (rarita´,  trasferibilita´, riconosciuto valore intrinseco),che quando sono presenti in contemporanea trasformano una „cosa“ in una moneta.

A questo punto e´bene chiarire il significato di queste tre caratterstiche necessarie:

-Rarita´:ovvero un ferreo controllo sulla fonte

-Trasferibilita:si esprime in due dimensioni.

.La prima e´che sia trasportabile e possa essere messa in circolazione senza alterarsi,(questo vale per le prime conchiglie come pure per i bit che fanno muovere il denaro nei nostri conti correnti). La seconda dimensione e´che sia accettata e questo ci introduce alla terza caratteristica

-Riconosciuto Valore Intrinseco: la „cosa“ utilizzata per la transazione e´una moneta perche´le viene riconosciuto un valore intrinseco che  equivale  quello della transazione.

Le prime monete cartacee ad avere la piena convertibilita´in oro erano Cinesi  e sono nate nel X secolo e  questa convertibilita´era espressa con la parola „cash“… .

Una parola che ha mantenuto questo significato attraverso i secoli in tutto il mondo al punto tale che pensiamo che sia inglese … .

E questo e´un esempio di un valore intrinseco riconosciuto.

Un esempio sulla trasferibilita´ci viene dal Pezo de Ocho in argento dell´impero Spagnolo.

E´noto che gran parte dell´argento proveniente dalle Americhe fini´nel Regno di Mezzo,(Cina),per pagare il cronico disavanzo commerciale.Ma in Cina la moneta di quello che allora era il piu´potente stato dell´occidente,quello Spagnolo,non era usata come tale ma per il fatto di essere d´argento.Ovvero?

La moneta pesava 8 grammi e valeva solo per questo. Un esempio chiarira´tutto.Immaginiamo di essere a Nanchino nel XVI e di comprare 100 chili di riso per un controvalore di 20 grammi di argento.Diamo al venditore tre monete Spagnole. Il venditore usando una speciale forbice prende una delle tre monete e la taglia in due e poi pone il pezzo tagliato su di un bilancino per verificare che siano 4 grammi. A questo punto ci restituisce la meta´della terza moneta tenendosene due e mezzo che pesano appunto 20 grammi.Pertanto le monete Spagnole sono trasferibili perche´mentengono inalterato il loro valore in argento e non in quanto moneta di quello che allora era il più potente Impero nell’ emisfero occidentale del pianeta.

Ovvero interessava il  valore fisico,(l’essere di argento con un certo grado di purezza del metallo),e non quello politico,(l’ essere la moneta di uno dei tre più potenti regni dell’ epoca: Spagna,Ottomano,Cina). …

….(continua la 2. parte verrà pubblicata domenica 10 Aprile)

Paolo Dealberti ©2016

(è consentita la riproduzione integrale dei contenuti multimediali dell’ articolo come pure di foto/grafici a fini NON commerciali a patto di porre il nome dell’ autore e di indicare un hyperlink attivo alla fonte) Potete trovare qui i libri di Paolo