ieri i click dell’ altro ieri ci hanno fatto pensare a Papa Wemba.

Oggi i click di ieri ci portano ad un pilota di Formula 1  ricordato come una una leggenda non tanto per essere stato uno dei migliori ma per quello che ha lasciato nel sociale.

Ieri..oggi…

Nel mondo dell’ informazione quando si parla di ieri e di oggi è sempre bene avere a mente un detto Britannico riferito ad un leggendario giornale Londinese: “oggi è buono per gli editoriali e domani per avvolgere chips & fish”.

Modestia innanzitutto, quella modestia pratica che viene dalla esperienza.

Un pilota di Formula 1 dicevano.

Ayrton Senna.

Uno dei grandi di questo sport che è morto in action … ovvero guidando.

Ma Senna alla fine non sarà ricordato per le sue gesta sui circuiti ma per aver aiutato almeno 12 milioni di bambini.

Nel suo Brasile.

Con discrezione al punto che lo si è saputo solo dopo la morte.

Discrezione ,che magico suono ha questa parola in un mondo obeso di informazione strillata.

Discrezione, un modo per distinguersi con l’ eleganza di chi sa vivere.

Il suo denaro è servito a questo grazie ad una fondazione che ora dirige la sorella e di cui il suo più grande rivale sulle piste, Alain Prost, è ambasciatore nel mondo.

Grazie Ayrton per essere un campione della vita!

E per l’eleganza con cui hai attraversato la vita di 12 milioni di bambini.

Thomas Flaneur

(è consentita la riproduzione integrale gratuita del testo purchè non a fini commerciale e con l’ obbligo di citare sia l’ autore che la fonte con un hyperlink attivo)

Nota:

La selezione non è  fatta perchè pagata come sponsorizzazione.Questa non è una pagina  promozionale. 

 The selected entities do not pay to be here. This is NOT an advertising /promotional section.