( la rubricà è nel contesto della sezione ” Techno-&-science trends” che col suo meta-tag è N.1 su 466.000 entries di riferimento, click qui per verificare 9-6-16 CET 6.00)

——————–

(clickando qui la 1. aprte dell’ articolo)….

… Prima di parlare del successo attuale e futuro è bene soffermarci un attimo sulle dimensione culturale del DUAL per meglio comprenderne le concrete applicazioni economiche per il Made in Italy.

Per farlo viaggeremo in quattro dimensioni sensoriali crescenti:

Dimensione sensoriale 1: oltre la fisicità

La fisica quantistica,(M-Theory premiata con un premio Nobel),ci dice che viviamo in 12 dimensioni parallele anche se ne percepiamo solo 4 e questo nel mondo DUAL ci porta a capire che la fisicità vada ben oltre l’ orizzonte percepito e non in termini astrattamente filosofici.

Nel pratico del nostro quotidiano ci dice anche che la fisicità assume altre forme.

Il biglietto digitale per il check-.in…ad esempio.

Dimensione sensoriale 2: un universo fisico con diverse caratteristiche

Scrivere e un contratto od un bilancio su della solida carta è normale. Solida? Perchè la definiamo fisica. Ma non è fisica anche la solidità dei pixel dei fogli di calcolo?

Si e non lo è da meno solo che è sottoposta ad altre caratteristiche fisiche. Ad esempio quelle per  salvaguardala, duplicarla , trasportarla.

Dimensione sensoriale 3: il mondo si interpreta come strutturato su più mondi

Se ci limitiamo al solo mondo di mattoni,(per comodità definiamolo come off-line), od al solo mondo di pixel,(per comodità lo definiamo on-line), accade “solo e semplicemente” che non avremo mai una visione completa delle cose e non potremo prevederle.

Questo perchè limitandoci solo,(come pure in maniera troppo squilibrata), al mondo OFF-line rispetto a quello ON-line,(o viceversa), non potremo definire le cose.

E non definendole  daremo inevitabilmente una descrizione falsata in quanto incompleta del reale.

E quindi? Solo una visione ON-&-OFFline,ovvero trans-dimensionale,ci consente di percepire  entrambi i mondi dando a ciascuno il peso relativo che merita.

Dimensione Sensoriale 4:tutto è egualmente reale

Il crescendo di dimensioni sensoriali che abbiamo ci porta quindi al DUAL.

Ovvero a capire come sia possibile che la realtà sia al contempo digitale e fisica.

Ma anche a capire come mai ora il DUAL integri,grazie sia alle innovazioni tecnologiche che al fatto che da decenni sedimentiamo culturalmente questo trend, anche la realtà digitale potenziata,DAR).

Le applicazioni economiche sono immense come reali.

Dalla ristorazione alla fruizione  dei contenuti culturali o dei viaggi.

Ma anche la formazione ed il team working come pure la produzione.

Sul lato del marketing  il fatto che si potrà interagire  in un contesto DAR con gli smartphone Samsung dato che il caso DAR è sviluppato da una controllata di Facebook.

Le conseguenze del fatto che Microsoft rilevi Linkedin e quindi possa poi usare i propri hardware,(visori per le esperienze digitali amplificate),concepiti per NOKIA in mondi DAR. Ed il tutto ovviamente integrato sia con il mondo Microsoft Office che con Skype ed il tutto grazie ad Hololens.

Per essere in prima linea in questo trend bisogna implementare delle innovazioni nel processo vendite che sono riconducibili al Leverage Communication Power,(LCP).

Ne parleremo dettagliando con soluzioni reali esistenti in atri articoli in modo da offrire dei concreti strumenti di lavoro al Made in Italy.

Strumenti di successo in quanto operativamente integrati in un mondo con una realtà DUAL, ovvero e tre dimensioni,(fisica + digitale + DAR).

Come ad esempio l’ Universo Emozionale Collettivo,(UEC),una soluzione LCP che è una innovazione Il Leverage Communication Power,(LCP),ha generato il primo universo digitale in cui i Vostri Rivenditori,(sia B2C che B2B),entrano a far parte di un Universo Emozionale Condiviso,(UEC),che sviluppa una Narrativa agente come moltiplicatore,(leverage),sul fatturato. Sia esso retail B2C o lounge piuttosto che ristoranti ma anche  distributori od importatori per  prodotti B2B. Non vi sono limiti e… sebbene operi nella dimensione digitale di Internet genera fatturato anche in quella fisica off-line.

L’ UEC è una innovazione di sistema nella dimensione delle vendite che ha rese superiori dei Social Network.

Inoltre consente di ottenere la visibilità in Internet risparmiando i costi di SEO/SEM grazie al fatto che il traffico si genera con un’ altra innovazione di sistema che è un novità mondiale del LCP applicato all’ editoria: il Web di Approfondimento Editoriale,(WAE),che incanala il traffico di 20 testate online.

Ulteriore elemento chiave è che  il sito in cui si struttura l’ UEC si sinergizza ed innesta senza problemi con la Narrativa della Brand creata dalla comunicazione dell’ Azienda mediante un collegamento con il sito istituzionale di processo per la vendita.

Un’ innovazione di cui parleremo a breve.

Paolo Dealberti ©2016

(è consentita la riproduzione integrale  gratuita dei contenuti  dell’ articolo a fini NON commerciali a patto di porre il nome dell’ autore e di indicare con un hyperlink attivo la fonte)
Potete trovare qui i libri di Paolo