traduttore /traslator friendly:
Se volete aggiungere un traduttore automatico di siti/ pagine internet clickando qui trovate quello ufficiale di Google
If you want to add Google Translate in order to traslate the whole page please click here to find and install

——————————————————————————————————————————- —————-

pubblicato nel contesto di “Art & Culture” N.1 su 60.700.000

come potete verificare clickando qui 14-5-16 CET 5.00

ed anche ne  “Il mondo di Roxie”  che è N.1 al mondo su più di 44.000 siti come potete verificare clickando qui 22-7-16 at 14.50 CET


(… qui trovate 1/14) … Non so perché, ho capito subito che qualcosa non andava, doveva per forza essere accaduto un fatto grave se mi stava facendo contattare da una persona che non conosco, per pregarmi di accettare un appuntamento a cui mi sto recando ora e soprattutto, all’interno di un ospedale.

Mi accorgo di stare tremando, appena varco la soglia dell’enorme ingresso dell’edificio pubblico e che non è né a causa del freddo né per l’emozione che sto provando all’idea di stare per rivederlo, anche se devo ammettere che è grande almeno quanto lo spazio che sto attraversando con passi malfermi.

Tremo senza avere alcun potere sul mio corpo, senza riuscire a contenermi, perché ho paura… mi accorgo di non averne mai avuto tanta, mentre immagino che non abbia alcuna intenzione di comunicarmi buone notizie ed anche se mi appaga il fatto che abbia qualcosa da riferirmi, in un momento che deve essere dannatamente delicato per la sua esistenza, non posso fare a meno di temere che ciò che mi dirà non avrà un effetto positivo né sulla parte razionale di me né tanto meno su quella emotiva. Sono entrambe piuttosto malandate, non ho più voglia di prendermene cura, data la piega che sta prendendo la mia inutile esistenza. Mi sento sempre più sola, mi sento invecchiare e mi accorgo di guardare indietro più volte di quanto sarebbe prudente fare, mentre non riesco a vedere un futuro degno di essere affrontato. Insomma, resto sospesa in un presente che raccoglie tutto il desiderio che avrebbe dovuto andare perso nel momento in cui mi sono convinta che non sarei riuscita nell’impresa di essere contraccambiata dall’unico uomo che abbia mai veramente amato.

Rossana Lozzio ©2016

Il mio racconto, ispirato dall’intero universo musicale di Pino Mango ma soprattutto dal brano “L’albero delle fate” – Fuori Concorso, nella prima edizione