Assumersi la responsabilità di proporre, sessant’anni dopo i Trattati di Roma: ci ha provato Jean Claude Juncker, ipotizzando cinque scenari per la nuova Unione europea a 27, pur senza esprimere la preferenza della Commissione; e ci stanno provando esperti e ricercatori riuniti nel progetto dello IAIEU60”, con le loro idee e riflessioni su come riformare l’Ue. A cominciare dalla difesa comune, per anni un miraggio, chiesta dagli Stati membri ma in tempi e modi sempre diversi.

AI Istituto Affari Internazionali  ©2017