La guerra al terrorismo non giustifica tutto:

  • non giustifica le torture come fecero gli Americani in Iraq
  • non giustifica la uccisione di un agitatore che è a terra inerme come ha fatto un soldato Israeliano poi giustamente condannato da una corte marziale o lo spezzare la braccia ai bambini ed adolescenti che tirano pietre
  • non giustifica lo stupro di donne come hanno fatto i soldati ONU  in Africa

e quindi  non giustifica  neanche il delirio della minaccia di Putin di usare armi atomiche come disse nel dicembre 2015 o di uccidere i civili come  strategia

E parlando di Russia siamo poi sicuri che sia stato Islamico l’ attentato di lunedì a San Pietroburgo e non nasconda invece una crisi interna Russa?

Vi rimandiamo a quanto detto  in Locglob: http://locglob.club/2017/04/06/1938/

Ah, e per inciso a tutti quelli che commenteranno che gli Americani lo fanno per il petrolio.

E’ SEMPLICEMENTE PATETICO per Voi che vi  auto-definite  esperti il non sapere che:

  1. a) gli USA importano sempre meno e nel 2020 non importeranno più dalla regione
  2. b) gli USA sono ESPORTATORI NETTI DI ENERGIA DA 3 anni e quindi NON hanno bisogno di quel gas e petrolio
  3. c) il pivot strategico che li ha allontanati dal 2009 persiste

Cari  Commentatori contro gli yankee se  veramente non sapete questo commentate la battaglie a Stratego e se invece lo sapete e continuate a nasconderlo PRENDENDO IN GIRO CHI CREDE IN VOI … BEH SI COMMENTA DA SOLI, NO?

In Iraq, a Mousul, si combatte una guerra secondo il diritto internazionale, (le leggi di guerra della Convenzione di Ginevra),e quindi conquistano i quartieri casa dopo casa riducendo al minimo le morti collaterali dei civili.

I commentatori nostrani giudicano il tempo necessario come debolezza a lo comparano alla velocità in Aleppo decantando super Russia.

In Aleppo semplicemente non rispettavano queste leggi e bombardavano indiscriminatamente sia i bersagli militari che quelli civili. Ed il bombardamento dei bersagli civili era giustificato come strategia legittima.

I commentatori nostrani magnificano questa rapidità e quindi, implicitamente, esaltano il crimine di guerra commesso bombardando deliberatamente dei civili  come strategia legittima.

Chiarito questo andiamo avanti.

Crediamo anche ai Russi quando dicono che hanno mostrato tutti i documenti video della azione del 4 aprile.

Come pure crediamo che le armi chimiche siano state degli altri.

Ma questo non assolve il comando Russo dato che ha deliberatamente autorizzato il bombardamento di un edificio ben sapendo che poi questo avrebbe attivato le  armi chimiche.

Ovvero?

Le armi intelligenti sono intelligenti perchè esiste una cosa chiamata intelligence.

Ovvero qualcuno sul campo che dice che nel posto Y alla ora X si trova il bersaglio Z ed allora un drone od un bombardiere con una bomba intelligente lo colpisce.

Questo vale anche per gli edifici.

Nel pratico i pianificatori Russi sapevano bene che in quell’ edificio vi erano armi chimiche come sapevano benissimo che una volta bombardato si sarebbero diffuse nell’ aria uccidendo.  Non è credibile che sapessero che  in un deposito vi erano delle armi senza sapere che armi fossero.

Dato che è la rilevanza delle medesime fa decidere se merita o meno un attacco aereo.

Inoltre disponevano di armi intelligenti e quindi era fuori discussione un errore di bersaglio nel senso che il pilota voleva colpire l’ edificio X ed invece le bombe per errore hanno colpito per errore  l’ edifico Y con il sarin.

Con le armi intelligenti non esistono le “bombe vaganti” in cerca di bersaglio per errore.

Quindi?

“Semplicemente” hanno autorizzato il bombardamento di armi chimiche ben sapendo che avrebbero causato una strage di civili.

Pertanto una deliberata scelta tattica coerente con una strategia bellica che ha sempre ammesso che i bersagli civili sono colpibili

Non un errore ma una scelta.

E questo apre un ulteriore aspetto da valutare.

I Russi hanno dimostrato che non possono usare commando di elite per rendere inefficaci queste armi senza creare una strage  e questo la dice lunga sul loro decantato potere e controllo in Siria.

Se non hanno la struttura e la forza di usare dei commando come invece da anni fanno altri come lo si può definire? Un indice di forza o di debolezza?

Inoltre Mousul insegna che si può essere mortali contro Daesh senza  divenire  criminali di guerra bombardando deliberatamente i civili.

 

Paolo Dealberti