Rossi è deluso… Marquez è  integro.

Un dato sfugge a tutti i commentatori Italiani, ovvero che Marquez poteva farsi molto male.

La sua gamba poteva restare incastrata sotto la moto con danni anche  irreversibili. O peggio.

Ma cosa è successo?

Lo abbiamo visto tutti.

Marquez ha fatto il suo lavoro dando del filo da torcere e facendo vedere i sorci verdi a Rossi senza fare favori.

Rossi …beh,doveva solo fare a sua volta il suo lavoro e distanziarlo in pista come un 9 volte campione del mondo sa fare quando incontra un non 9 volte campione del mondo  … .

Ma vi è un’ altra nota di amaro che questo evento lascia in bocca e che è anche peggiore.

Immaginiamo che Rossi fosse stato un pilota senza nome e non un campione che corre per il 10. titolo mondiale in un team famoso e con sponsor importanti.

Mah,viene da chiedersi se non gli avessero impedito di correre nel gran prix successivo.

Se di pessimo esempio dobbiamo parlare è  questo il vero esempio negativo.

Ovvero qualcuno, anzi in troppi sorrideranno convinti che nel mondo esista sempre una scappatoia se non si è un “senza nome” … .

A partire dai tanti che nei social hanno commentato dicendo che “quando ci vuole ci vuole“.

Ma di cosa stiamo parlando?

Cosa giustifica sbattere fuori strada qualcuno a quella velocità?

Se ne rendono conto che nulla lo può giustificare?

No, non se ne rendono conto ed è questo vuoto civico espresso dal silenzio assordante di chi giustifica queste cose che  dilania dentro.

Per fortuna non si è fatto male nessuno alla faccia del “quando ci vuole ci vuole“,no?

E per fortuna esiste un’ altra Italia rispetto a quella dei “quando ci vuole ci vuole“!!!

E’ bene puntualizzarlo prima che qualcuno non si faccia sfuggire la ghiotta occasione del ” gli Italiani commentano… eh, sono Italiani,no?”

——————————

The Rompiballe

(è consentita la riproduzione integrale dei contenuti multimediali dell’ articolo come pure di foto/grafici a fini NON commerciali a patto di porre il nome dell’ autore e di indicare un hyperlink attivo alla fonte)